domenica 30 ottobre 2016

La Vera Storia Di Hanako-San

A seguito dei bombardamenti su Tokyo, nel marzo 1945 molti edifici subiscono danni o vengono completamente distrutti ..più di 100.000 le vittime civili che si contano.
Per una vera e propria ripresa il Giappone deve attendere il 1947, ed è in questo anno storico che nei meandri della capitale, all'interno di una scuola elementare appena ricostruita dopo il bombardamento, iniziano ad accadere fatti particolarmente inquietanti.
Le scuole in Giappone sono strutturate in modo che le elementari vadano dai 6 ai 12 anni..le medie dai 13 ai 15 anni e le superiori dai 16 ai 18 anni.. In questione quindi pur se si parla di elementari si parla di bambini e di ragazzi..più nello specifico di bambine e di ragazze, che anche se di rado, dopo essere state nella toilette della scuola raccontano di sentirsi osservate, di luci che si accendono e si spengono come se dovesse andar via la corrente, di un bagno che sembra apparentemente chiuso, occupato, e di come senza veder uscire nessuno se ne schiuda la porta, rimanendo aperta di pochi centimetri.
Inizialmente non si da peso a questo racconto, non bastano una, due, o tre ragazze per dar credito alla cosa..fin quando nel tempo la storia si ripete più volte da più testimonianze. 
I racconti delle ragazze, spesso sconosciute tra loro, hanno molti punti in comune, soprattutto il piano della toilette, che è sempre il terzo, la toilette che è sempre e solo quella femminile, e la porta, che è sempre la terza contando dalla porta d'entrata.
C'è chi parla della luce, chi di sentire come una voce sussurrare, chi racconta della luce ad intermittenza e della porta dapprima chiusa come se occupata e poi ritrovata socchiusa senza che nessuno fosse entrato o uscito..ma in linea di massima i fatti sono questi.
Nel giro di circa 4 anni in molte hanno iniziato ad evitare i bagni del terzo piano, le più temerarie e affascinate dagli eventi invece hanno fatto ricerche sulla questione.
Dalle ricerche, dalle domande e dalle informazioni raccolte intorno al 1951 si viene a sapere che durante i bombardamenti, nella scuola che li sorgeva, prima della ricostruzione, vi fu il caos e tra le grida e le macerie molti bambini ed insegnanti riuscirono a salvarsi proprio perchè fecero in tempo ad uscire dall'edificio.
Ma durante i soccorsi trovarono il corpo di una ragazza di 12 anni, proprio li, nella terza porta della toilette femminile del terzo piano, indossava un'uniforme bianca e rossa, divisa poco comune ma possibile in quel periodo visto la guerra e quindi la mancanza di possibilità anche per le sartorie di avere stoffe uguali blu o grige per tutti, Non era riuscita ad uscire, pur accorgendosi di cosa stava accadendo, colpevoli alcune macerie che iniziando a crollare le bloccarono la porta.
Saputa la verità, le ragazze meno scettiche, o chi anche per una volta ha vissuto un "incontro" con questa presenza, hanno iniziato a portare qualche fiore, per lasciarlo alla toilette del terzo piano, dispiaciute per la brutta esperienza della ragazza. Da questo deriva il nome di "Hanako" ..letteralmente "bimba dei fiori"... 
Questo è tutto su di lei....Che ancora è li, incastrata tra questi due mondi.
Ad oggi la storia è dilagata a livello globale, diventando una leggenda metropolitana molto diffusa in quasi tutte le scuole elementari Giapponesi...in cui si dice che per evocarla basta andare alla terza porta della toilette femminile  del terzo piano e bussare tre volte ..e se fortunati, a seconda dei punti di vista, può capitare che lei risponda con un sussurro..e alla domanda "Sei Hanako-San?" ..dica "Si..Sono io"
Fonte di Anime, Manga, Creepypasta, Cosplay, Movie e Romanzi... Motivo di autosuggestione di massa, incrementata dallo stess degli studenti.. Lei ha sconfinato ma alla fine non vuol dire che non ci sia... 
Un abbraccio simbolico a Lei, Hanako-San e a tutte quelle vittime della stupidità umana che non hanno deciso di fare la guerra ma ne sono state vittime. 





Immagine tratta da un Horror Movie a lei dedicato



giovedì 27 ottobre 2016

Sakakibara - Serial Killer di Kobe


Chi conosce il manga "Another" o ne ha visto l'anime ha sicuramente famliarità con il cognome Sakakibara... cognome il quale nella versione originale, ha costretto il protagonista a cambiare scuola perchè vittima di bullismo in quanto pseudonimo di un ragazzo che nel 1997 lasciò un segno indelebile nell'opinione pubblica Giapponese. Un tocco di classe dell'ideatore Yukito Ayatsuji.. 
Siamo a Kobe.  E' il 1987 quando nasce Shin'ichiro Azuma. I problemi comportamentali si possono notare sin da quando è bambino. Passa il tempo libero a torturare e uccidere cani, gatti, ed altri animali, più volte la madre è stata richiamata ma senza risultato. L'unica linea educativa che pare abbia importanza per lei è quella scolastica.
Gli anni passano ed arriviamo al 1997. 
il 10 febbraio Azuma aggredisce due bimbe delle elementari e lo fa prendendole a martellate. Il mese dopo ripete la crudeltà colpendo alla testa una bimba di 10 anni che morirà dopo un paio di settimane di coma, lo stesso giorno dell'aggressione , mentre fugge, s'imbatte casualmente in una piccola di 9 anni..ferendola gravemente.
Le indagini sembrano ad un punto morto ma 2 mesi dopo Azuma torna a colpire..questa volta in modo più evidente e strafottente. Adesca un bambino di 11 anni portandolo in un posto isolato, lo strangola e abbandona il corpicino sul posto. Torna dal cadavere il giorno dopo, gli stacca la testa e la sfigura, tagliando la bocca a forma di sorriso e cavandone gli occhi, il giorno seguente la espone davanti al muretto della scuola di Kobe.
Quando il medico legale viene a prelevare il reperto, trova due foglietti incastrati dentro la bocca.."Forza, il gioco comincia! Miei cari stupidi poliziotti, provate a fermarmi" .. firmato SAKAKIBARA SEITO
Un po' sulle tracce del delirio di onnipotenza alla Jack The Ripper, in aprile, manda una nuova missiva di sfida, questa volta destinata ad un quotidiano del posto.
Ma.....Non proprio con il finale mai finito di Jack..Sakakibara viene arrestato il 28 giugno del 1997...Nel suo diario vengono trovati scritti in cui racconta come sacrificasse le vittime per un entità apparentemente esistente solo nella sua testa.
Affidato a strutture rieducative fino al 2004. Anno in cui compie la maggiore età. 
Ad oggi Sakakibara è libero, e con identità protetta.
E..no...tutto questo non è successo nel Manga ma nella reale quotidianità, da cui come spesso accade se ne traggono spunti per trame di fantasia...
Che raramente supera la realtà....



Sakakibara Seito - Shin'ichiro Azuma 



Missive di Sakakibara



Misaki Mei e Sakakibara Koichi (protagonisti del Manga "Another)

mercoledì 19 ottobre 2016

Guendalina - La vita eterna di Azzurrina (Castello di Montebello)

Guendalina nasce nel 1370 a Montebello di Poggio Toriana, vive in un castello del posto, controllata a vista dai genitori o da guardie designate per lei, Questo perchè nata Albina, e in quel tempo i nati come lei sono fonte di pregiudizi e dicerie. Per questo suo padre decide di tenerla segregata nel castello. 
La bimba nei primi anni di vita si abitua tranquillamente a giocare limitrofa a casa senza amici o senza uscire in luoghi affollati. Ma a 5 anni, proprio nel giorno del solstizio d'estate, mentre gioca a palla, è successo l'irreparabile. La palla sfugge al suo controllo, cadendo dalle scale e finendo in ghiacciaia. Guendalina la segue e finisce per cadere. Le guardie sentono l'urlo e accorrono nel sottoscala, non trovando però ne la palla ne la bimba. Essendoci una sola entrata non c'è stata spiegazione per l'accaduto. Così è stata dichiarata scomparsa.
Ad oggi, mettendo insieme varie dichiarazioni, si pensa che Guendalina, Adelina per i famigliari e "Azzurrina" per i compaesani che le diedero questo soprannome grazie al suo tocco albino, sia ancora presente in qualche modo tra i meandri del castello di Montebello, chiamato ai giorni nostri Rocca dei Guidi di Bagno.
La sua presenza è nota ma si fa sentire fortemente, più di ogni altro giorno.. ogni cinque solstizi d'estate..l'ultimo è stato il 21 giugno del 2015.... Se volete andare a trovarla...tenete i conti.....



Tela di Guendalina (Azzurrina)



Interno del castello. (Dietro la piccola ringhiera, la botola da cui Guendalina è scomparsa)

martedì 18 ottobre 2016

NEVADA TAN - Creepypasta e Realtà

NEVADA GIRL...cosplay, creepypasta, Anime e Manga... ma tutto questo è davvero solo un Manga?...da dove nasce questo creepypasta che ha dato vita a meravigliosi racconti Horror?
Nasce nella scuola elementare di Sasebo, in Giappone, nell'anno 2004.
E' l'ora di pausa, insegnanti e alunni sono in cortile per il pranzo.
Satomi Mitarai, è rimasta in classe, vede entrare una sua compagna, e stanno li, insieme, per un po'.
Il corpo di Mitarai è stato ritrovato esanime in un lago di sangue, con la gola tagliata e segni di altri tagli sulle braccia.
L'amica che poco prima entrò in classe è stata rivista poco dopo in cortile, con gli abiti insanguinati divagare in stato confusionale.
La Polizia, dopo averla presa in custodia e portata alla centrale, ha deciso di tenerla in fermo per una notte, questo perchè la ragazza, dopo aver dichiarato la sua colpa, non ha fatto che piangere senza fornire un motivo al gesto.
Piano piano "Ragazza A", come le autorità l'hanno ufficialmente definita, ha iniziato a parlare, facendo emergere che il motivo del rancore si trova nei commenti che Mitarai aveva elargito su di lei, in internet, facendo riferimento alla forma fisica.
Essendo la ragazzina appena 11enne, in Giappone vi è l'anonimato, per questo il suo nome non è reso noto, ma basandosi su di  una foto scolastica in cui lei indossa una felpa con la scritta NEVADA, tra le voci del paese e i meandri della rete, ha iniziato ad essere denominata NEVADA TAN..
Letteralmente "La Ragazza Nevada".








Foto Fan Art, Foto di Classe da cui ha origine il nome (tra le ragazze in foto anche la coetanea da lei uccisa), Foto Selfie di Nevada Tan

lunedì 17 ottobre 2016

Mary Bell - La vita in breve di una baby Serial Killer


Una bimba dal viso bellissimo, che nasconde in quegli occhi profondi tanto dolore e tanta violenza..occhi troppo belli per attutire tutto il male del mondo.
Mary Flora Bell.. figlia di una madre prostituta che la faceva prostituire a sua volta già da bambina, padre ignoto, ma adottata da Billy Bell, il marito della madre.
Forse non ha avuto la possibilità di scegliere chi essere nella vita ma ha scelto di levare senza scrupoli la vita ad altri. 
Insieme alla sua amica e compagna di scuola Norma Bell, il 25 maggio del 68, alla vigilia del suo undicesimo compleanno attirarano in un punto strategico un bimbo di appena 4 anni e Mary lo strangola. 
Inizialmente la Morte di Martin Brown è archiviata come incidente. E' stata sufficiente una piccola pressione da parte di Mary per togliergli la vita senza lasciare segni su cui indagare.
Poco tempo dopo, il 31 luglio, Mary e Norma avvicinano Brian Howe, un bimbo di 3 anni e lo strangolano, ma questa volta la violenza continua. Con un paio di forbici Incidono una M sul corpo del piccolo, gli tagliano una ciocca di capelli e i genitali.
Abbandonano il cadavere di Brian in un luogo dove viene ritrovato immediatamente.
Inizialmente le autorità pensano ad un pedofilo visto la crudeltà usata sul bambino, ma non passa molto tempo da che capiscono che le due morti sono affini. Probabilmente opera di un serial killer. Le indagini si concludono velocemente. 
Mary e Norma vengono arrestate. Norma Bell viene assolta, Mary Bell accusata di duplice omicidio, con una condanna a 12 anni nei quali si è sottoposta a cure psichiatriche.
Libera nel 1980 riceve la possibilità di avere l'anonimato per vivere in serenità. 
Nel 1984 diventa Madre di una bambina.
Tramite la pubblicazione di più libri riguardanti la sua storia ha potuto ricevere compensi elevati che le consentono una vita agiatissima.
Ad oggi, anno 2016 ..è nonna.
Libera e con l'anonimato per lei e famiglia.
La madre di Martin Brown dichiara "Io non potrò mai vedere mio nipote. Spero che ogni volta che guarderà negli occhi questo bambino, capisca cosa ha perso la mia famiglia per colpa di quello che ha fatto”.
Non si può veramente sapere cosa lei provi nel continuare serenamente la sua vita, mentre due madri hanno il vuoto dentro, ma lascio a libera interpretazione questa storia e il suo finale......

Mary Bell dal 1967 al 1980







Le due piccole vittime di Mary Bell:

La Canzone Maledetta - Hungarian Suicide Song

E' cosa risaputa che nel mondo della musica vi siano state spesso mosse strategiche per immettere nuovi successi nelle classifiche.. da testi composti con doppio senso, a registrazioni con messaggi nascosti se ascoltate al contrario e altre idee di genere. Di queste però non tutte nascono come idee di marketing, ed è di queste che mi piace trattare. 
Oggi parlerò di una melodia meravigliosa per chi ama l'era dello swing.
"Szomorú Vasárnap", Canzone Ungherese nata nel 1933 da Rezső Seress che ne compose la melodia e da László Jávor che ne scrisse il testo. E' nel 1935 però che Pál Kalmár la interpreta regalando alla canzone il successo meritato. Divenne al tempo uno dei pezzi jazz più coverizzati e ripetuti diventando famosa in America e in Europa con il nome di "Gloomy Sunday" ..un punto di riferimento del genere Jazz e Swing.
Passa circa un anno per rendere questa canzone ufficialmente un grande successo storico ma al tempo stesso una storica maledizione chiamata "Hungarian suicide song", questo perchè all'epoca si è notato un aumento di suicidi che come filo conduttore portavano tutti "Gloomy Sunday".
La BBC è arrivata al punto di vietarne la trasmissione anche della versione cantata come cover da Billie Holiday. Questo fino ai giorni nostri. Il divieto infatti è stato cancellato solo nel 2002.
Una donna a Londra, è stata trovata morta, suicida. Overdose di barbiturici. Con la canzone che si ripeteva in loop dall'apparecchio stereo.
A Berlino, durante un concerto Live, un ragazzo ha richiesto proprio "Gloomy Sunday" .. è stato trovato il suo corpo il giorno dopo. Si era sparato.
Uno studente della Horbart College a New York, la sera di fine anno scolastico si è tolto la vita. Un suo amico durante la testimonianza ha dichiarato di averlo sentito dire "è una domenica tetra, lo farò stanotte".
Questi sono solo alcuni esempi dei casi emersi da questa storia..
E' invece un tetro lunedì del gennaio 1968 quando l'autore della canzone maledetta, Rezső Seress Muore. Gettandosi dalla finestra della sua casa, all'ottavo piano di un palazzo in Budapest.
Che siano coincidenze o forti sensibilità scavate da questo Do minore di "Gloomy Sunday"... è un punto di vista personale...
Buon Ascolto.....









Foto: Rezső Seress,  László Jávor


Foto: Spartito Gloomy Sunday 



domenica 9 ottobre 2016

Ospedale Psichiatrico Infantile. Aguscello.

L'angoscia che si racchiude tra le mura dell'ospedale psichiatrico infantile di Aguscello avvolge appena si è davanti al cancello. Questa struttura in provincia di Ferrara è fatiscente, pericolante in qualsiasi punto. 
La struttura è stata edificata nel 1870 e nasce come abitazione privata, cambia spesso proprietari, fino ad arrivare al 1933..anno in cui passa di proprietà alla famiglia Bernardi.
Amelia Guerra, moglie del dottor Giovanni Bernardi rivaluta l'edificio da uso privato ad ospedale, specializzato ad accogliere malati di tubercolosi. Questo per 7 anni, fino a quando la famiglia Bernardi decide, nel 1940, di vendere alla Croce Rossa, che trasforma l'ospedale adibito a malati di tubercolosi ad ospedale psichiatrico infantile, per bimbi fino ai 13 anni.
La struttura rimane attiva per 30 anni, di proprietà della Croce Rossa e gestita da suore.
Quello che si dice sul comportamento delle suore nei confronti dei piccoli non fa certo onore. Sicuramente bambini difficili da gestire ma pur sempre bambini chiusi tra delle mura e sicuramente sotto controllo, alcuni di essi rinchiusi li solo perchè abbandonati ma senza problematiche psichiche. A questi bambini aspettano torture fisiche e psicologiche. Tra i resti che si possono trovare in questo ospedale psichiatrico, tra lettini e giostrine, apparecchiature adibite all'elettroshock.
Il dolore aleggia ancora tra queste pareti, impregnate di sofferenza e di urla strazianti.
Più che mai dal 1970, quando l'edificio è stato abbandonato di fretta. Sulle motivazioni vi pesano un paio di ipotesi, le cui unite probabilmente danno forma alla verità... 
C'è chi parla di un epidemia virale e chi di un incendio doloso appiccato dalle suore ai piccoli ospiti della struttura, rinchiudendoli in una stanza all'ultimo piano con l'impossibilità di salvarsi. 
Un epidemia virale sfuggita al loro controllo può averle portate a pianificare una soluzione drastica e crudele. Una decisione sicuramente non così difficile per chi abituato a trattamenti terrificanti.
Ed è proprio dopo quel giorno, che nella solitudine di quelle mura i piccoli ospiti giocano, ridono, piangono e a volte ancora gridano..condannati a dimorare li.....per sempre.
















venerdì 7 ottobre 2016

La Dama In Nero

Milano. Parco Sempione.
Una donna in nero, col volto coperto da un velo del medesimo colore si aggira nei viali alberati nei dintorni del palazzo Sforzesco.
Angelina Costa... una dama che fu l'amante di uno degli Sforza.
Morì per mano del suo amato che nella convinzione di essere stato tradito la uccise.
La sua presenza è nota ormai da secoli, incastrata in questi due mondi, strappata in modo cruento e ingiusto alla vita, è rimasta qui, in modo perpetuo, adescando uomini e facendoli innamorare follemente... li porta nella sua villa e li intrattiene con loro momenti di passione.. Peccato che il giorno dopo nessun uomo che la sia tornata a cercare l' abbia trovata. Constatando l'assenza di lei e di questa meravigliosa villa.

                                     

giovedì 6 ottobre 2016

Augusta Lehrke

Augusta Lehrke nasce il 21 luglio del 1878.
E' una donna austera, dall'aspetto severo, i capelli raccolti e lo sguardo vitreo.
Con i suoi fratelli e le sue sorelle sono in undici. Cresce in questa numerosa famiglia fino a che nel luglio del 1900 va in sposa a George Gein, un uomo alcolizzato e violento. Dal matrimonio comunque nascono due figli maschi Edward ed Henry.
George è quasi sempre disoccupato e Augusta fa da madre e da capofamiglia. Lavora in una drogheria del paese fino a mettersi da parte abbastanza denaro da acquistare una fattoria, che diviene la definitiva abitazione della famiglia Gein.
La mentalità molto religiosa di quel tempo non contempla il divorzio e cosi il matrimonio dura nel tempo.
Augusta sembra una madre come tante, pronta a sopportare e fare sacrifici per il bene dei suoi figli....ma qual'è il suo lato oscuro?.... 
Forse proprio questa mentalità fortemente religiosa e ossessiva ha reso la sua educazione verso i figli..maniacale e malata.
Isolandoli dal resto dei coetanei, rinchiudendoli in una vita tutta scuola e lavoro. Le è facile il plagio da fanatica luterana religiosamente inquadrata, per la quale le donne sono tutte prostitute ...ad eccezione di lei ovviamente... e in un mondo nel quale il sesso serve solo per procreare. 
Le piace ritagliare del tempo, nel pomeriggio, per leggere ai figli qualche passo dell'Antico Testamento, in particolare passi in cui si parla di morti e punizioni divine.
Quando i figli raggiungono la pubertà lei diviene ancora più attenta e severa con loro  per quanto riguarda la sessualità. Se sorprende i figli a masturbarsi o ne ha anche il solo sospetto, da loro forti punizioni. come per esempio buttare acqua bollente sui genitali. Non è certo una madre equilibrata. Nel 1940 il marito George Muore e lei rimane sola con Edward ed Henry la situazione rende più forte questo  psicologico cordone ombelicale che lega i figli a lei e alle sue idee nei successivi 4 anni.
Vuole rimangano vergini ..ma Henry nel 1944, superati i 21 anni inizia a ribellarsi..ad avere le sue idee e le sue passioni..disobbedendo. 
Su di lui grava una misteriosa morte....si dice scoppiò un incendio nella fattoria... ma quando trovarono Henry la causa della morte risultò un colpo efferato in testa..malgrado questo il medico legale chiuse la questione dicendo ufficialmente che morì di asfissia.
La deduzione non è difficile, ma non ci furono prove a carico della madre.
Questo perchè fu solo l'ideatrice di questo cruento omicidio, plagiando il figlio Edward usando le sue paure lo fece agire al posto suo. Fece in modo che un figlio uccise l'altro. 
Per due anni ancora vive con suo figlio Edward....in questo amore morboso e religiosamente ossessivo superando un primo ictus. Fino a che Augusta muore il 29 dicembre 1945 colta da un secondo ictus.
Edward rimane solo, senza il suo ossessivo mentore. Senza il suo punto di riferimento morboso.
Augusta rimane nelle macabre cronache, non tanto per il tipo di madre e donna che è stata, o per l'omicidio che ha saputo organizzare anche se mai ufficialmente provato, ma per aver saputo creare uno dei serial killer più famosi di sempre.
Ed Gein.